Il Perfetto assortimento di tè per il mio negozio

Come creare l'offerta di prodotti per la tua attività. I segreti per avere un catalogo che conquisterà i tuoi clienti.
Assortimento di tè per il mio negozio

L’assortimento di tè e dei prodotti è un fattore chiave per il successo del tuo negozio di tè. 

È ciò che gli conferisce personalità e, in sostanza, ciò che attrae i clienti. Per questo motivo è necessario prestare la massima attenzione quando si crea la propria offerta di prodotti. 

La mancanza di esperienza nel settore del tè fa sì che molti proprietari di negozi di tè commettano errori di selezione. 

Grazie alla nostra esperienza di consulenza a centinaia di imprenditori nell’apertura di un negozio di tè, ti guideremo attraverso le diverse fasi che ti porteranno a creare il perfetto assortimento di prodotti.

Contents

Chiavi per scegliere i migliori tè per la tua attività

Le due domande principali che dovresti porti all’inizio sono:

  • Quante referenze dovrei avere nel mio negozio?
  • Quali tipi di tè dovrei scegliere per il mio assortimento?

Rispondiamo a ciascuna domanda in dettaglio!

Imprenditore che seleziona l'assortimento di tè

Quante referenze dovrei avere nel mio negozio?

Questa è la domanda più frequente posta dai futuri proprietari di negozi di tè.

La risposta di base è tra 120 e 250!

Tuttavia, ci sono molte sfumature da considerare prima di determinare la cifra esatta. Esaminiamo ora alcune. 

I 3 fattori principali sono:

  1. Il concetto del tuo negozio.
  2. Lo spazio disponibile.
  3. I competitor nella tua zona.

Il concetto del tuo negozio

Se il tuo obiettivo è quello di avere un negozio specializzato in tè e infusi, dovresti avere un minimo di 120 referenze per iniziare. 

Sembra un numero elevato, ma con meno referenze sarebbe difficile avere un’offerta che si adatti a tutti i profili più comuni dei consumatori di tè. 

Pensate che un negozio standard dovrebbe coprire la domanda di questi profili di consumatori:

  • Quelli che cercano un’infusione per una certa funzionalità.
  • I puristi che sono alla ricerca di un tè speciale di origine
  • Coloro che cercano una dose di energia mattutina per sostituire il caffè.
  • L’acquirente regalo, che non sa di quale tè ha bisogno, ma deve rientrare in un certo budget. Ecc, …

Ecco perché  in base alla nostra esperienza, 120 referenze permettono di creare un assortimento che consente al negozio di guadagnarsi il titolo di “Negozio specializzato in tè e infusi”.

Perché allora vedo alcuni negozi con meno di 120 referenze?

Nella maggior parte dei casi si tratta di una sorta di “modello ibrido” che vende tè insieme ad altri prodotti. Ad esempio, i negozi di gastronomia vendono caffè, spezie, cioccolato o olio d’oliva. Qui il tè è un prodotto complementare. 

In questi casi sarebbe sufficiente un piccolo assortimento di tè. 

Nel caso di un negozio specializzato, il tè è il prodotto principale. Se vuoi che i clienti ti associno al tè, devi offrire un’ampia varietà che soddisfi le esigenze di tutti i possibili profili.

Quando sono necessarie 250 referenze? 

È meglio iniziare con circa 120 referenze e aumentarle gradualmente in base al feedback dei clienti e all’esperienza dei clienti. 

250 tè e tisane non è un quantitativo obbligatorio, ma una cifra a cui avvicinarsi gradualmente nel tempo. Tuttavia, amministrare questa quantità può diventare un dilemma per la gestione dell’inventario. 

In breve, la decisione spetta a te, in quanto proprietario. Ma prenditi il tempo necessario per analizzare il tuo primo anno di attività. Con il passare dei primi mesi, saprai meglio di chiunque altro cosa è meglio per far crescere la tua offerta.

Spazio disponibile nel tuo negozio

Lo spazio del tuo negozio influenzerà anche il numero di referenze che potrai avere. Molti imprenditori scelgono prima il locale, con un certo numero di metri quadrati, e poi adattano il loro menu di tè. Altri pensano prima al numero di tè che vogliono offrire, pianificano lo spazio necessario e poi cercano il locale per aprire la loro attività.

Per le nostre stime, terremo conto di utilizzare scaffali “standard” di altezza non superiore a 1,80 metri. 

Non è consigliabile esporre le lattine di tè su scaffali di altezza superiore a 1,80 metri o a ridosso del pavimento. Questo diminuirebbe la visibilità delle referenze interessate e se non si vedono… non si vendono!

Tenendo conto di ciò, possiamo dire che è possibile esporre 150 referenze in un negozio di 40 m2. Puoi averne di più, ma tieni presente che devi avere uno spazio sufficiente per permettere ai tuoi clienti di muoversi comodamente. Inoltre, avrai bisogno di metri quadrati per il bancone, gli accessori, l’area di degustazione… 

Con 250 referenze ti consigliamo di considerare 60 o qualche m2 in più.

Chi sono i tuoi concorrenti?

Concorso per i negozi di tè

Se apri il tuo negozio in una piccola città, dove c’è già un negozio di tè con 200 articoli, non sarà vantaggioso iniziare con un piccolo assortimento di infusi e tè. 

Inoltre, molti nuovi negozi tendono a copiare l’offerta dei negozi vicini. Questa non è una cattiva idea in sé, ma dovresti piuttosto concentrarti sulle lacune della loro offerta. 

Esempio di una buona strategia in città di medie dimensioni:

Se i competitor hanno un’offerta ristretta in una categoria specifica (ad esempio, Rooibos), questo diventa un’opportunità per il vostro negozio di avere un’offerta più ampia. In questo modo creerai una distinzione nel mercato. 

Potresti applicare la stessa strategia per i tipi di sapori (tè aromatizzati gourmand, per esempio).

Infine, molti negozi non prestano molta attenzione all’utilizzo del tè come regalo. Investite in confezioni regalo. Il tè è un prodotto ideale a basso prezzo da regalare. Questo sarà anche un altro modo per differenziarsi dalla concorrenza.

Tipi di tè per un negozio specializzato nella vendita di tè sfuso

In questa sezione esploreremo quali sono i tipi di tè e infusi consigliati.

Categorie di tè e tisane in sintesi

Infografiche sull'assortimento di tè

È molto importante avere dei riferimenti per tutte le famiglie di tè. In Italia, un assortimento equilibrato dovrebbe essere all’incirca il seguente:

  • Famiglie di tè:
    • Tè nero – 17% del tuo assortimento (FR: 23% – DE: 20% – SP: 17% – IT: 17%)
    • Tè verde – 27% del tuo assortimento (FR: 30% – DE: 19% – SP: 22% – IT: 27%)
    • Tè Oolong – 3% del tuo assortimento (FR: 2% – DE: 1% – SP: 3% – IT:3%)
    • Tè bianco – 4% del tuo assortimento (FR: 4% – DE: 3% – SP: 4% – IT:4%)
    • Tè Pu Erh – 5% del tuo assortimento (FR: 1% – DE: 1% – SP: 10% – IT:5%)
  • Tisane e altri gruppi senza caffeina:
    • Tisane – 20% del tuo assortimento (FR: 20% – DE: 29% – SP: 20% – IT:20%)
    • Infusi di frutta – 8% del tuo assortimento (FR: 10% – DE: 19% – SP: 8% – IT:8%)
    • Rooibos – 15% del tuo assortimento (FR: 9% – DE: 7% – SP: 15% – IT:15%)
    • Tè decaffeinati – 1% del tuo assortimento (FR: 1% – DE: 1% – SP: 1% – SP: 1% – IT:1%)

Le percentuali sono medie calcolate da diverse fonti di dati. Sono solo indicative e devono essere valutate con gli altri fattori menzionati in questo articolo.

Se vuoi attirare i consumatori esperti di tè, ti invitiamo a introdurre anche il cosiddetto tè giallo (noto anche come tè dorato).

Tè classici o blends?

Quelli che chiamiamo “tè classici” o “tè puri” sono referenze come un tè verde Sencha, un tè nero Darjeeling, un tè verde Gunpowder… Non sono aromatizzati o miscelati con altri ingredienti.

All’interno di ciascuna delle famiglie di tè sopra elencate, si dovrebbe avere un mix di tè “classici” e miscele (aromatizzate e non). Come regola empirica, suddividete il tutto come segue: L’80% dei tuoi tè dovrebbe essere costituito da miscele e prodotti aromatizzati, mentre circa il 20% dovrebbe essere costituito da tè “puri”.

Se vuoi offrire un servizio più specializzato e distinguerti maggiormente dai tuoi concorrenti, ti consigliamo, nel caso dei “tè classici” (o “tè puri”), di avere diversi tipi per ogni famiglia.

"Esempi di tè verdi classici: China Sencha, Japan Sencha, Japanese Gyokuro e China Gunpowder..."

Ogni tipo di tè puro è diverso e presenta sfumature più adatte a un determinato profilo di consumatore.

Ad esempio con il tè nero:

Un cliente che ama il tè nero con il latte si recherà nel tuo negozio per un tè puro dell’Assam o di Ceylon. Se gli piace bere un tè nero floreale, può chiedere un Darjeeling, mentre se gli piace un tè nero morbido, sceglierà un tè nero proveniente dalla Cina, come il Golden Yunnan o il Keemun. 

Poiché il terroir del tè è molto apprezzato dagli esperti bevitori di tè, puoi creare una sezione di tè puri per paese.

Regola di base per un negozio di tè: si dovrebbe avere almeno un tè puro di ogni famiglia di tè e un minimo di 5 miscele aromatizzate per i tè neri e verdi. 

Per i tè bianchi e Oolong, un minimo di 2 miscele può essere sufficiente per l’ Italia, ad esempio.

Nel caso del Pu Erh, bisogna sapere che in alcuni paesi, come il Regno Unito, non è il preferito dai clienti. Tuttavia, è molto richiesto in altri paesi, come la Spagna. Si consiglia di avere almeno un tè puro e una miscela. 

Infine, i negozi di tè includono nel loro assortimento anche prodotti per clienti sensibili alla caffeina.

Questo segmento merita un’attenzione pari a quella dei tè, perché si tratta di bevande che possono essere consumate da bambini e anziani, oltre che da bevitori di tè di altre fasce d’età. 

Le nuove generazioni di consumatori hanno notevolmente rinnovato il mercato, orientandolo verso la funzionalità e lo stile di vita. Molti di loro verranno nel tuo negozio non per un gusto o un tipo di tè, ma piuttosto per una soluzione a un problema: voglio un prodotto per la digestione, per migliorare il mio sonno, ecc.

Considera questo dato: nella maggior parte dei Paesi europei, ⅔ del consumo proviene dalle tisane! Fare un’attenta selezione di tisane è diventato un must per qualsiasi negozio di tè.

Ulteriori consigli per migliorare il vostro assortimento

Hai avviato con successo la tua attività di vendita di tè? Ora è il momento di pensare a come rinnovare regolarmente il tuo assortimento e mantenere l’interesse dei tuoi clienti. Questi consigli vi aiuteranno a fidelizzare i clienti:

  • Rinnova l’assortimento: cerca di cambiare almeno il 10% dei tuoi prodotti in base alla stagione. La stagionalità è importante. Ciò significa che quando arriva l’estate, dovresti eliminare i tè considerati “troppo invernali” e fare spazio ai prodotti stagionali.
  • Fai una ricerca sui tuoi competitor: vedi quali sono i tè che vendono di più, quali sono i più apprezzati dai loro clienti, quali sono i nuovi prodotti che stanno introducendo…
  • Punta sull’originalità: naturalmente ci sono tè classici di cui non si può fare a meno… ma a volte un tocco fresco e originale nell’introdurre nuovi tè è il modo perfetto per attirare nuovi clienti e fidelizzare quelli esistenti.
Osserva alcune lacune nell'assortimento degli altri concorrenti. Potrai avere l'opportunità di portare sul mercato qualcosa che gli altri non hanno.
  • Chiedi al tuo fornitore: un buon fornitore dovrebbe essere più di un semplice venditore. Perché? Perché un venditore esperto sa cosa funziona nel tuo mercato. Quindi basta chiederglielo. Noi di Alveus sappiamo cosa ha funzionato per migliaia di clienti e cosa no. Disponiamo inoltre di un ampio reparto marketing sempre aggiornato sulle ultime tendenze in fatto di sapori e ingredienti.
  • Punta sulla qualità: è meglio puntare su pochi prodotti di buona qualità che su molti prodotti di bassa qualità, anche se più economici. Ricorda: le persone che entrano in un negozio di tè di solito non cercano qualcosa di economico che si possa comprare al supermercato. Il consumatore di tè a lungo termine preferisce la qualità al prezzo.
  • Ascolta i tuoi clienti: la maggior parte di loro non sarà uno specialista, ma sa benissimo cosa gli piace e cosa non gli piace, cosa ha già provato di altri marchi e cosa vorrebbe scoprire. Saranno di gran lunga la tua migliore fonte di ispirazione.
  • Non lasciarti guidare dai tuoi gusti: Questo è uno degli errori più frequenti commessi dagli imprenditori. I proprietari dei negozi di tè spesso inseriscono i tè che preferiscono. Ma nella maggior parte dei casi questo non è un indicatore di successo. 
  • Offri una varietà di gusti in base al tuo mercato: cerca di avere un’ampia varietà di gusti in tutte le tue miscele. Molti clienti vengono per gusti specifici. Se il budget e lo spazio lo consentono, avere i gusti più richiesti in varie categorie di tè ti renderà più facile adattarti ai desideri dei tuoi clienti.

Condividiamo queste conoscenze con i nostri clienti per aiutarli ad avere più successo.

In breve, la selezione del tuo negozio è una realtà più che mai viva! Ciò significa che non dovresti rimanere fedele al tuo assortimento originale per sempre. 

E… ascolta i tuoi clienti. Ti ispireranno e ti diranno meglio di chiunque altro cosa dovresti avere nel tuo negozio.

Quali altri prodotti possono essere parte integrante del tè?

Tazze e accessori per il tè

Se si ha un negozio di tè, si deve sapere che non è solo importante offrire un’ampia selezione di tè di alta qualità, ma anche vendere prodotti complementari che possano migliorare l’esperienza dei clienti. Tra le opzioni di prodotti complementari da prendere in considerazione per il vostro negozio di tè vi sono:

Tazze e teiere

Offrirle in diversi stili e dimensioni è un modo per dare ai clienti la possibilità di scegliere la tazza o la teiera perfetta per ogni tipo di tè o per il loro modo di gustarlo. Sono anche il regalo perfetto per un amante del tè.

Dolcificanti

Anche se è meglio bere il tè senza dolcificanti, alcune persone amano aggiungere zucchero o dolcificanti. Questi prodotti possono non essere i più venduti, ma sono comunque rilevanti per una parte specifica della clientela. 

È possibile includere qualsiasi cosa, dal classico zucchero bianco allo zucchero di canna. Al giorno d’oggi esistono anche zuccheri in diversi gusti (vaniglia, caramello, cannella…). Anche la stevia può essere una buona opzione per chi cerca alternative naturali.

Biscotti, dolci e cioccolato

I biscotti e i dolci sono un classico dell’ora del tè. L’ideale è cercare aziende artigianali e a livello locale. Un’altra opzione è quella di distribuire un marchio che non viene venduto nei supermercati tradizionali. L’obiettivo è chiaro: distinguersi e creare un’immagine esclusiva per il proprio negozio. 

Un altro prodotto considerato una prelibatezza e spesso presente nei negozi di tè è il cioccolato. È possibile venderlo a peso o in belle scatole preconfezionate.

Filtri per il tè

Per gli amanti del tè di tutti i giorni, i filtri da tè monouso, gli infusori in metallo e altri accessori sono diventati indispensabili.

Altri prodotti complementari al tè

Un negozio di tè dovrebbe essere il tempio dove un vero amante del tè può trovare tutto ciò che riguarda questa preziosa bevanda. Ecco perché si possono offrire libri sul tè, riviste specializzate… e persino CD con musica per l’ora del tè.

Quali sono i prodotti da non vendere nel tuo negozio di tè?

Cercate di evitare tutti i prodotti aromatici, come incenso, saponi o profumi. 

Il tè è un prodotto molto sensibile e si impregna facilmente di odori esterni. Inoltre, il tè ha un aroma delizioso per gli amanti del tè, quindi con questo tipo di prodotti il suo aroma naturale verrebbe messo in ombra.

Conclusione

Non esiste un numero specifico di referenze esatte per il tuo negozio di tè. 

Ogni negozio di tè è diverso e il suo assortimento deve essere studiato attentamente. Per questo motivo, ti consigliamo di lavorare con attenzione e in modo approfondito su questa parte della tua attività. 

Prima di aprire il tuo negozio, rivolgiti a fornitori professionisti. Possono aiutarti guidandoti e consigliandoti su ciò che è meglio per te. Una volta avviato il tuo negozio di tè, i tuoi clienti saranno la migliore fonte di informazioni per perfezionare il tuo assortimento di tè e tisane.

Share
Facebook
Twitter
LinkedIn

Alveus Blog Team

Il team editoriale è composto da professionisti del tè provenienti da diversi Paesi. Siamo animati dalla passione per il tè e per la diffusione della sua cultura.

Potrebbe anche interessarti

Approfondisci il sofisticato processo di produzione del tè oolong, essenziale per comprenderne la complessità, i sapori e le note aromatiche uniche.
Reinventare le vendite di tè in estate: strategie rinfrescanti per attirare i clienti e aumentare i profitti.
Esplora la rarità e l'unicità del tè giallo attraverso il suo processo di produzione. Scopri tutto quello che c'è da sapere sulle tecniche di produzione e l'impatto sul sapore di questa meraviglia per il palato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Grazie!

Un esperto vi contatterà
il prima possibile.

Controlla la tua casella di posta, riceverai a breve una email, potrebbe essere finita per sbaglio in spam. Aggiungi il nostro indirizzo alla tua lista contatti per non perdere le news sui lanci e le promozioni esclusive.

Chiusura della finestra in

5